La pizza nel mondo: orrori o semplici varianti?

La pizza è sicuramente uno degli alimenti italiani più conosciuti e mangiati nel mondo, tanto da diventare uno dei simboli dello stivale italico.

Ce la invidiano a tal punto che quasi tutti i paesi del mondo hanno provato a rifarla. Spesso però non è stata solo copiata, ma anche “rivisitata”: tanto che molto spesso, andare a mangiare la pizza all’estero può riservare brutte sorprese.

Ad esempio in america la pizza con i pepperoni, una delle più vendute, non è con i peperoni, bensì con il salamino piccante.

Per quanto riguarda le rivisitazioni più curiose c’è senza dubbio la Pizza English Breakfast che è possibile ordinare in Irlanda e Regno Unito: si tratta di una pizza molto particolare fatta con bacon e uova fritte (gli alimenti tipici delle colazioni inglesi appunto).

Un’altra rivisitazione curiosa è senza dubbio quella della pizza austriaca, la pizza Bratwurst, in pratica un vero e proprio bratwurst avvolto nella pasta della pizza e condito con l’immancabile Ketchup.

In Francia la pizza viene fatta molto spesso scelgiendo prodotti locali come il formaggio di capra e i pomodorini alla provenzale, mentre in Belgio va molto di moda la pizza all’ananas.

Infine un’ultima curiosità: ci sono addirittura degli studi scientifici che tentano di spiegare il modo migliore per tagliare la pizza che è una pratica molto diffusa in molti paesi, ma non in Italia, dove la pizza viene servita rigorosamente intera.

Ma non pecchiamo certo di superbia nel dire che la vera pizza, quella più buona la si può gustare solo in Italia, la sua patria d’origine. Vi aspettiamo qui al Borgo Antico per assaggiare le nostre: ingredienti dop, cottura nel forno a legna e tanta passione per il buon cibo. Questa la nostra ricetta segreta.